Schermata 2014-01-15 alle 12.20.14

100 giorni di felicità. Senza nome.

E così sono passati 100 giorni di felicità. Senza nome. E fortuna che abbiamo un contatore a ricordarcelo, perché altrimenti ci sembrerebbe trascorso un giorno, non di più. Come passa il tempo quando ci si diverte. Ma non ditelo a nessuno, se no penseranno che passiamo le nostre giornate a cazzeggiare, cosa verissima, tra l’altro. In ogni caso, sono 100 giorni che non abbiamo un nome, ed è ora che vi raccontiamo il perché. In parte, la spiegazione è nel pay off: il tempo è tiranno per chi non sa trasformare un problema in opportunità. Pensare ad un nome per un’agenzia che non contenesse la parola ADV era troppo complicato. Infatti non ci siamo riusciti.

Poi abbiamo preferito spendere (maledetto inglese) il nostro tempo a imparare cose nuove, formarci, conoscere persone interessanti, leggere un buon libro. Non è detto che sia stata la scelta giusta, però alla fine ci è piaciuto. Io non ci avrei scommesso un euro, sinceramente. E infatti all’inizio ci siamo detti “Vediamo come va, tanto prima o poi un nome ci viene“. Solo che adesso che di nomi ce ne sono venuti 10 non siamo più sicuri di voler cambiare le regole del gioco. Il motivo è molto semplice: che si vada da un prospect, da un cliente, da un fornitore o semplicemente da un amico, la nostra identità… è chiara. Ah sì, ho sentito parlare di voi.

Sia chiaro: non basterebbe una buona idea se non fosse accompagnata da una strategia, da un buon numero di post e da una visibilità che deve essere off line prima ancora che on line. Infatti partecipiamo ai workshop, ai Master e ci mettiamo continuamente in discussione. E anche per questo motivo non ci siamo mossi ancora sui Social. Non abbiamo creato una pagina facebook, né un account Twitter (però abbiamo l’hashtag) e non siamo sicuri di volerli fare. E proprio tu che ti occupi di Social ci stai dicendo che non farete i Social? Gne gne gne. Sì, perché gli strumenti vanno pesati, bisogna saper aspettare, avere la coscienza di quello che si fa, del territorio e della mappa, come dicono gli esperti di marketing.

Per questo chiediamo aiuto ai nostri contatti, pareri sulle possibili evoluzioni dell’agenzia: continuate senza nome, dateglielo tra un anno, tornatevene a casa. Vi promettiamo che in qualche modo vi ascolteremo. Senza citare la campagna #CoglioniNO vi diciamo subito che NON vi promettiamo visibilità in cambio del vostro parere. Un budget per lo start della nostra agenzia c’è, lasciateci la possibilità di destinarlo ai collaboratori, freelance, artisti e cazzari che più si avvicinano alla nostra idea di agenzia. Un posto in continua evoluzione. Una palla di neve, non una supernova (questa l’ho già detto però).

Per il momento la certezza è che sono 100 giorni di felicità. Chi l’avrebbe mai detto?

Cristiano Carriero 

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Plus
  • Email
< torna indietro