giustificazioni_cristiano

E se il futuro dei libri fosse il visual? (Friday’s rave)

E se il futuro del libro fosse il visual?

“È il libro a essere in crisi, non la narrazione”

Venerdì sera, sono le 18 passate, in agenzia si incomincia a respirare dopo una settimana di fuoco. Sfoglio qualche libro, abbiamo preso l’impegno di ritagliarci una mezzoretta per la nostra crescita professionale. Ma non è di questo che voglio parlare. Sfogliandoli mi accorgo che la maggior parte dei libri presenti sulla scrivania utilizzano i principi del visual storytelling. Testo, parole, ma anche immagini, grafici, contenuti visivi, contenuti gradevoli.

Mi ricordo di una chiacchierata con Valentina Tanzillo, una che di visual storytelling ne capisce, eccome.

Oggi siamo costantemente sommersi da informazioni, in questo contesto diventa difficile per i lettori riuscire a selezionare le informazioni di cui hanno bisogno e trovare delle fonti attendibili.  La soluzione per emergere – mi racconta Valentina – dal flusso e differenziarsi dai competitorè data dalle immagini. Le immagini hanno un ruolo fondamentale nella nostra esperienza online, basti pensare che il 70% delle azioni online riguarda le immagini e ogni giorno sono pubblicate più di 300 milioni di immagini solo su Facebook

Mi è venuta voglia di chiederle se funziona (o funzionerà) così anche per i libri. Avrei potuto telefonarle, certo, ma forse il modo migliore per chiamarla in causa è questo. Un bel post con una domanda chiara: il futuro dei libri (che, in Italia, si vendono sempre meno) può essere il visual storytelling? Gli esseri umani sono “pensatori visivi”: elaborano le immagini 60.000 più velocemente rispetto ai testi e tendono a rispondere meglio ai contenuti visivi. Secondo alcune ricerche gli individui ricordano il 20% di quello che leggono e l’80% di quello che vedono.

E se non parliamo di letteratura, può valere almeno per i libri di scuola, dell’università, del mondo della formazione? O è solo un delirio del venerdì sera? In attesa della risposta di Valentina o di chiunque vorrà partecipare alla discussione vi auguriamo un buon week end!

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Plus
  • Email
< torna indietro