giustificazioni_cristiano

Non svegliatevi quando settembre finisce (i buoni propositi)

Settembre. La pioggia. Wake me up when september ends, varie ed eventuali. La vita in agenzia ricomincia, anche se in realtà non si è mai fermata. Però un passaggio così drastico (ieri qualcuno di noi era al mare, oggi indossa un golfino) non può che farci riflettere. Abbiamo compiuto un anno dall’idea, insana, di fondare un’agenzia senza nome. Era il 1 settembre del 2013 quando, a ranghi completi, decidemmo di puntare tutto sul giallo. All in, e chi se ne frega del nome. La storia, molti di voi, la sanno già. Ma non fatevi problemi a chiederci di raccontarvela ancora. Siamo storyteller nati, noi.

non svegliatevi quando settembre finisce

Partire senza vantaggio competitivo è sempre difficile, ma pian piano ci siamo messi in carreggiata anche noi. È stato un anno faticoso, da un lato c’era da farsi conoscere, dall’altro lavorare (al meglio) per i clienti. Se ci siamo riusciti, e se siamo riusciti a farlo bene non dobbiamo dirlo noi, ma i clienti. Quindi, parola a loro. Noi possiamo soltanto decidere cosa migliorare, come offrire valore al cliente. E siccome durante le vacanze, tra un selfie… e l’altro, abbiamo studiato, vi diciamo cosa ci ha particolarmente colpito. Due libri su tutti mi sento particolarmente di consigliare.

Il primo, ahi voi, è in inglese, ma è incredibilmente semplice da leggere: si chiama The mobile mind shift – engineer your business to win in the mobile moment-, di Ted Schadler. È utilissimo per capire le logiche della connettività mobile e come le App abbiano spostato la bilancia del business dall’azienda al consumatore. Con uno smartphone (o un tablet) il consumatore può confrontare i prezzi, leggere le recensioni di altri consumatori, scriverle. Si chiama custumer rule: le aziende devono diventare ossessionate dai propri consumatori, le regole sono queste e i mezzi non possono che essere mobile. Ecco, questagenzianonhanome (marchio registrato, tiè) sarà ossessionata dal mobile. Seguiteci.

La seconda lettura è You business model, scritto da Tim Clark, curato in italiano da Luigi Centenaro (Hoepli). Si tratta del metodo che ha aiutato migliaia di organizzazioni (e persone) del mondo a reinventarsi, a rivedere oppure ottimizzare il proprio business. Al centro ci sono nove elementi: i clienti, il valore offerto, i canali, le relazioni con i clienti, i ricavi, le risorse chiave, le attività chiave, i partner chiave e i costi. Si tratta di una lettura che mi sento di consigliare personalmente a tutti quelli che vogliono partire con il piede giusto. Perché, si sa, non c’è niente di meglio che ripartire col piede giusto il primo settembre. Noi ci siamo, più vogliosi che mai. Non svegliatevi quando finisce settembre. Anzi, citando un famoso poeta: settembre andiamo, è tempo di (aggiungete voi…)

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Plus
  • Email
< torna indietro